Proverbi

La raccolta di questi proverbi è dovuta in larga parte al lavoro della maestra Egle Tamagnini che oltre alla raccolta è stata di supporto per la loro interpretazione.
Le parole ed i termini sottolineati sono riportati nel dizionario dialettale.

Non aè paura, cara mia, che avanti alla morte ogni cojiò ce rria
Non avere paura, cara mia, che alla morte ogni coglione ci arriva
Non ti affannare tanto perchè sei comunque destinato a morire

L’acqua va sempre a lu mare
L’acqua va sempre al mare
Ogni cosa si svolge secondo le leggi della natura

L’agu e la pezzola, tira avanti la famigliola
L’ago e la pezza, porta avanti la famiglia
Con il lavoro (anche umile) si mantiene la famiglia

L’agnellu umile se poccia du pecore
L’agnello umile si beve due pecore
Con le buone maniere si ottiene più

Aprile, ‘na goccia a lu dine
Aprile una goccia al giorno
Ad aprile piove poco ma spesso

Chi beffe fa, beffe magna
Chi si fa beffe, beffe mangia
Quello che si augura agli altri ricade su se stessi

Anno bisestu se sarva chi è lestu
Anno bisestile si salva chi è svelto
Nell’anno bisestile (nefasto) si salvano solo i più svelti (furbi)

Borza e cuscienza, non la sa nisciuno
Borza e coscienza nol la conosce nessuno
I soldi e la propria anima non la conosce nessuno

Lu cannuciù lungu e strittu se magna casa co lu tittu
Il gargarozzo lungo e stretto si mangia la casa e il tetto
Le spese (continue) per cose frivole portano alla rovina

La carità beatu chi la fa e tristu chi la riceve
Chi fa la carità è beato, chi la riceve è tristu
La carità è meglio farla che riceverla

Le cerque non po’ fa li purtugalli
Le quercie non possono fare le arance
I figli rispecchiano i genitori

In compagnia pijò moje un frate
In compagnia prese moglie un frate
La convivialità crea opportunità credute impossibili

Se lu corpu sta vè, l’anima non parte
Se il corpo sta bene l’anima non parte
Il corpo sano fa bene anche all’anima

Fa più dannu ‘nu stupidu che cento ladri
Fa più danni uno stupido che cento ladri
E’ più deleterio uno stupido che cento ladri

Le fratte non c’ha le recchie e se le mette
Le persone che origliano non hanno orecchie e se le mettono
Chi origlia cerca di sentire soprattutto chi parla convinto di non essere sentito

Lu gattu mal usatu, quello che fa je vene pensatu
Il gatto maleducato, quello che fa gli viene in mente
La persona in malafede attribuisce anche agli altri le proprie nefandezze

Che c’ha da fa lu gattu se lu padrone è mattu?
Cosa può fare il gatto se il (suo) padrone e matto?
Che colpa ha chi è comandato da un matto?

Se jennaru non jennegghia, se febbraru non febbregghia, marzu mardice e marpensa
Se gennaio non fa freddo, se febbraio non nevica a marzo il tempo fa male dice male e pensa male
Se a gennaio e febbraio il tempo è clemente si scatena tutto a marzo

La neve marzarola dura quantu la socera e la nora
La neve di Marzo dura quanto (l’intesa) tra la suocera e la nuora
La neve di marzo si scioglie immediatamente

La lengua non ha ossu e ossu roppe
La lingua non ha osso ma osso rompe
La maldicenza stronca anche le persone più forti

Come chi llea un pilo a ‘n boe
Come togliere un pelo ad un bue
Fare una cosa inutile

Chi llea un fiju non fa casciu
Chi alleva un figlio non fa formaggio
Chi è impegnato ad educare un figlio non ha tempo per fare altro

Chi llea un porcu lu llea grassu, chi llea un fiju lu llea mattu
Chi alleva un maiale lo alleva grasso, chi alleva un figlio lo alleva matto
Chi alleva il maiale ha lo scopo del guadagno. Chi alleva male un figlio non ha chiaro il fine.

L’hanno lleatu pe le forche
L’hanno allevato per la forca
Lo hanno educato male

Lo male vene a quintali e va via a once
Il male arriva a quintali e va vi a once
Il male arriva in fretta e va via piano

Non fa mai male a stanzia d’aè bene
Non fare mai (del) male se vuoi ricevere del bene
Non puoi sperare di avere del bene se agirai male

Li matti fa le nozze e li savi se li gode
I matti fanno le nozze e i savi se le godono
C’è chi si sacrifica e chi gode dei sacrifici altrui

Chi tocca lu mele se licca le dita
Chi tocca il miele si lecca le dita
Chi ha a che fare con i soldi (di altri) è tentato ad usarli per sé

A li tanti de marzu trona a li tanti de aprile nengue
Ai tanti (nel senso di giorno del mese) di marzo tuona ai tanti di aprile nevica
Se il giorno X di marzo ci sono i tuoni nello stesso giorno di aprile nevica

Morte desiderata, vita longa
Morte auspicata, vita lunga
Augurare la morte al tuo nemico non fa altro che allungargli la vita

Se pija più mosche con ‘cucchiarinu de mele che con ‘m barile d’acitu
Si prendono più mosche con un cucchiaino di miele che con un barile d’aceto
Si ottiene più con un po’ di dolcezza che con tanta cattiveria

Lu munnu è tantu granne, chi lu ride e chi lu piagne
Il mondo è tanto grande, chi ride e chi piange
Il mondo è talmente grande che mentre c’è chi ride, c’è anche chi piange

Ha mparato a be’ su lu coppittu
Ha imparato a bere l’acqua dei coppi
Riesce a sfruttare tutte le occasioni (di persona furba e scaltra)

Natale in polverella, Pasqua in pantanella
Natale asciutto, Pasqua bagnata
Se a Natale non piove a Pasqua pioverà

A Natale un passu de cane, pe Pasquetta un’oretta
A Natale un passo di cane, alla Befana un’ora
A Natale la luce diurna aumentano un poco, mentre alla Befana aumenta un’ora

Nisciuno s’è mai arricchiutu co lo faticà
Nessuno si è arricchito con il lavoro
Per fare i soldi non serve lavorare

Piglia lu nome e mettete a la strada
Prendi il nome e mettiti sulla strada
Prima fatti un nome e poi puoi metterti anche sulla strada (al giudizio di tutti)

Occhiu mancinu, core allegrinu, occhiu drittu, core afflittu
Occhio sinistro….., cuore allegro, occhio destro…., cuore afflitto
Occhio sinistro (che sbatte), persona allegra, occhio destro (che sbatte), persona triste

Omo de vinu, non vale ‘n quatrinu
L’uomo di vino non vale un soldo
L’uomo che si ubriaca non vale molto

Orologgio più campana, Dio cheduno se richiama
(suono dell’) Orologio più (suono della) campana, Dio qualcuno sta chiamando
Quando suona l’orologio e la campana (della chiesa), qualcuno è morto

Ntenni tu pale che dico a te pertica
Intendi tu palo che dico a te fusto
Parlo a qualcuno ma in realtà mi rivolgo a qualcun altro

Altru è parlà de morte, altru è morì
Una cosa è parlare di morte,un’altra è morire
Parlare della morte (degli altri) è semplice. Un’altra cosa è (parlare de) la propria morte.

Quanno lu picculu parla lu granne ha parlato
Quando il bambino parla l’adulta ha (già) parlato
I bambini riportano i discorsi dei grandi

Ogni portò ha la vussarella sua
Ogni portone ha il suo patocco
Ogni persona ha la sua pena segreta

Chi prega non spreca
Nessuna traduzione
Pregare non è tempo sprecato

Anche la prescia vole lu tempu
Anche la fretta vuole il tempo
Occorre tempo (per riflettere) per fare qualsiasi cosa

Chi presta, scanestra
Chi presta, rovina
Chi presta perde quello che ha prestato o lo riceve rovinato.

La prucissione do scappa, entra
La processione dove esce entra

Il male augurato agli altri ricade su di noi
Li quattro aprilanti,quaranta dì duranti
Il quattro aprile, dura 40 giorni
Il tempo (atmosferico) del 4 aprile dura 40 giorni

Regalà è mortu e lu fiju non se stroa
Regalare e morto e il figlio non si trova
Non si regala nulla

Chi ride venerdì, piange sabato, domenica e lunedì
Nessuna traduzione
Chi il venerdì non fa penitenza, piange i giorni successivi (senso religioso del venerd)

Chi dà la robba prima che mora su la testa s’ha data la mazzola
Chi lascia la sua roba prima di morire si �������������������������� dato una mazzata in testa
Non lasciare i tuoi avere prima di morire i tuoi averi

Lu saccu votu non se tene drittu
Il sacco vuoto non si regge diritto
Chi non mangia non può stare in piedi

Me costa più che lo sale a Perugia
Mi costa più del sale a Perugia
…. di cosa molto costosa

Chi se scallò campò, chi magnò crepò
Chi si scaldò visse, chi mangiò morì
Chi spende i soldi per il proprio benessere campa di più di chi li spende per mangiare

Finchè non scappa lu Paduà lu tempu non se rfà
Finchè non esce (la processione de) Il padovano il tempo non migliora
Fino al giorno di S.Antonio da Padova (13 giugno) il tempo non migliora

Tuttu sta a scorticà la coa
Tutto si risolve se si spella la coda
Non puoi dire di aver concluso qualcosa se non hai termitato le ultime cose

Chi la sera ser ponne la crosta, la matina je se ccosta
Chi la sera conserva la crosta, la mattina gli si accosta
Chi non spende tutto in fretta ha soldi per il futuro

Li sordi finisce lu camarru rmane. Li sordi va e vene, lu tuntu se mantene
I soldi finiscono la mogli brutta rimane. I soldi vanno e vengono il marito stupido si mantiene (rimane)
Non prendere moglie (o marito) solo per i soldi

Li sordi dell’avarò se li magna lu sciampagnò
I soldi dell’avaro li mangia il perditempo
I soldi di chi si sacrifica se li godono gli altri

Li sordi fa ji l’acqua per in su
I soldi fanno andare l’acqua in salita
I soldi servono a ottenere tutto

Non fu mai tardi quanno ‘na orde venne
Non è stato tardi quando una volta venne
Quando arriva l’evento atteso si dimentica quanto si è aspettato

Chi è che tegne è sempre lu callaru
Chi sporca è sempre il caldaio
La persona disonesta cerca sempre di mettere gli altri in cattiva luce

Quanno trona da che postu pioe
Quando tuona da qualche parte piove
Le dicerie hanno sempre un fondo di verità

Chi no t’è, non te pò esse
Chi non ti è (parente) non ti può essere
Chi non ti è parente non ti può dare affetto vero

Usula e cciacca
Ascolta e sta’ zitto
“Autoesplicativa”

A chi sta ve lu vastu a chi mancu la sella
A chi sta bene il giogo a chi nemmeno la sella
C’è chi sopporta tutto e chi nemmeno le pene più lievi

La vedovella che se marita la penitenza non l’ha finita
La vedova che si risposa non ha terminato il periodo di lutto
Alla vedova (recente) che si risposa non è bastato il primo marito

Lu verrettà fa tante verette e a la fine una se ne mette
Il berrettaio fa tante berrette che alla fine una se ne mette
Il maldicente dice tante maldicenze, ma alla fine gli si ritorceranno contro

Se non si vista non si mintuata
Se non sei vista non sei nominata
Per evitare le maldicenze passa inosservata

Te meno co’ la vizza de vrugnale che roppe l’ossa e non fa male
Ti picchio con il bastone di grugnale (pruno selvatico)che rompe le ossa e non fa male
La maldicenza fa più male di un bastone

Com’è lu cellu, cuscì fa lu nidu
Così come è l’uccello, così il suo nido
Le azioni dicono della persona che le compie

torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Pioraco dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali